7 consigli di Spring Studios per il portfolio fotografico

7 consigli di Spring Studios per il portfolio fotografico Gli Spring Studios condividono la propria straordinaria esperienza Il…

Gli Spring Studios condividono la propria straordinaria esperienza

Il Network The Dots ha organizzato una masterclass sul portfolio fotografico nei fantastici Spring Studios di Londra, per dare ai migliori fotografi emergenti la possibilità di mostrare il proprio lavoro ad alcuni dei più importanti editor e agenti fotografici. Con una tale disponibilità di esperienza, il team di The Dots ha colto l’occasione per porre alcune domande su come emergere in un settore estremamente competitivo come quello della fotografia. 
Ecco cosa hanno detto a Fashion Photography Blog i rappresentanti del settore.

1. Mostra il tuo lavoro attraverso diverse piattaforme. 
In questa era digitale, è importante ricordare che ci sono molti altri modi per mostrare il tuo lavoro rispetto al portfolio di fotografie stampate standard e più il tuo lavoro è disponibile, più è probabile che i direttori creativi ti trovino (e possibilmente assumano). Anche Robin Derrick (Direttore creativo esecutivo, Spring Studios ) ha confermato: “Penso che un portfolio tradizionale sia un modo piuttosto antiquato di presentare il lavoro […] Normalmente scopro un fotografo online”. David Birkitt (proprietario e AD di DMB ) ha suggerito inoltre di “considerare che tutto può diventare un portfolio in questi giorni. Qualunque cosa su cui stai lavorando, qualsiasi piattaforma tu stia utilizzando – stampata, social, online – sono tutte piattaforme diverse, sono tutti portfolii diversi e tutti fanno cose diverse in modi differenti per motivi diversi”. In breve, mostra il tuo lavoro su quante più piattaforme possibile e curale ciascuna con la stessa cura con cui gestisci il tuo portfolio fotografico fisico.

2. Crea il tuo stile
. Ovviamente ci saranno fotografi o riviste che seguiamo e ammiriamo ed è difficile non esserne influenzato o pensare che si debba riproporre lo stesso stile ma uno dei punti chiave su cui tutti i relatori della Masterclass erano d’accordo è che è indispensabile avere un proprio senso dello stile ed una propria identità. Nicola Kavanagh (Editor in Chief, Glass Magazine) lo ha fortemente sostenuto: “Penso che avere la propria identità visiva sia la qualità più importante che si possa avere come fotografo”. David Birkitt ha anche consigliato di assicurarsi che il portfolio fotografico sia “un’estensione di te e faccia parte di te, del tuo essere e del tuo carattere”.

3. Mostra un lavoro personale
. I relatori della Masterclass hanno tutti concordato sul fatto che un portfolio fotografico “non riguarda solo il lavoro commerciale o editoriale: si tratta di progetti personali che mostrano quanto sei appassionato del tuo lavoro”. (Holly Hay, Photographic Editor, AnOther Magazine e Another Man). Matt Davey (co-fondatore e direttore, Probation London) consiglia di “non sottovalutare mai il valore del tuo lavoro personale […] questo è ciò che le persone ricordano, vogliono vedere quale sia il cuore e l’anima di un fotografo, non solo quello “per “cui sono stati pagati”. Non avremmo potuto dirlo meglio!

4. Metti per primi i tuoi lavori migliori
. Inizia il tuo portfolio fotografico nella maniera migliore e dai la priorità alle immagini che descrivono le tue qualità principali. Jamie Klinger (Publishing Manager) spiega perchè… “Se i primi 6 scatti che mostri sono paesaggi ma vuoi essere un fotografo ritrattista, non ti prenderò mai in considerazione come fotografo ritrattista.” Lauren Ford (Photo Editor e Producer, Dazed) ha confermato questo punto ricordando ai fotografi “di assicurarsi di aprire il proprio portfolio con qualcosa di veramente impattante e che mostri il tuo punto di vista come fotografo”.

5. Racconta una storia, stimola un dialogo
. Holly Hay è stata chiara: “dovrebbe esserci un motivo per ogni singola immagine nel tuo portfolio, dovrebbe esserci una storia dietro ogni immagine. Dovrebbe esserci un motivo per cui è lì, un motivo per cui l’hai scelta e un motivo per cui vuoi parlarne alla gente. “
Matt Davey ha sottolineato questo punto: “costruisci il tuo portfolio in modo che stimoli la conversazione. Sii in grado di parlare del tuo lavoro e presentarlo con sicurezza quando hai un incontro personale: non si tratta solo del flusso delle immagini ma di come le presenti.”
Quindi, se ti assicuri che il tuo lavoro migliore sia in primo piano, il tuo portfolio fotografico scorrerà bene e stimolerà la conversazione: in questo modo partirai alla grande.

6. Modifica, modifica, modifica!
 Sii selettivo: non aggiungere 20 foto diverse dallo stesso servizio al tuo portfolio fotografico, seleziona solo le due migliori altrimenti chiunque guarderà il tuo portfolio fotografico si annoierà o penserà che sia l’unica cosa che puoi fare. Steve Peck (Picture Editor, WIRED Magazine) ha indicato che la cosa principale che cerca è “molte variazioni nel libro di qualcuno. Se sei un fotografo ritrattista va bene, ma non voglio vedere la stessa testa e le spalle tagliate 15 volte, so che puoi farlo dopo che ne ho visti due, quindi è fantastico, vai avanti, mostrami qualcos’altro.” Come sottolinea Nicola Kavanagh, “il tuo portfolio è il tuo strumento più prezioso in un’intervista, quindi assicurati di presentarlo nel miglior modo possibile, modificalo duramente […] assicurati che sia davvero succinto”. Quindi, assicurati di mantenere le cose brevi e dolci e assicurati che ci sia una ragione o una storia dietro ogni immagine.

7. Chiedi una seconda opinione. Hai realizzato scatti incredibili, modificato e organizzato il tuo portfolio fotografico nel dettaglio… Cos’altro dovresti fare prima di mostrarlo a un potenziale cliente? Jamie Klingler ha suggerito di “chiedere a qualcun altro di modificare il nostro portfolio scegliendo i nostri scatti migliori”.
Anche Nicola Kavanagh che ci ha suggerito di “assicurarci che il nostro portfolio sia il migliore possibile cercando il feedback delle persone prima di presentare il lavoro ai clienti o alle riviste”. Quindi, una seconda opinione (professionale) non ha mai fatto male e se otteniamo un consiglio da qualcuno che sa di cosa stiamo parlando, lasciamoci aiutare.

 

Credits: Shutterstock