Sensory Garden..

giardino piante aromatiche 1

E’ uno spazio che offre la possibilità di entrare in contatto diretto con la natura e i suoi ritmi, una sensibilizzazione  al rispetto e alla conservazione delle tradizioni e del territorio.

Il giardino di Arome è costituito da parcelle cioè aiuole leggermente sopraelevate rispetto ad un sentiero, con vari tipi di erbe, che vanno a costituire un viaggio,  un’esperienza unica e speciale, un  percorso olfattivo e sensoriale.

Alcune notizie utili.

Salvia, finocchio selvatico, dragoncello, menta, timo, rosmarino, melissa, erba cipollina, basilico rosso – potreste farne a meno in cucina?

Come profumano le foglie di basilico sui spaghetti al pomodoro! E lo sapevate che qualche foglia di melissa trasforma in specialità anche i più semplici dolci alla frutta? Sul prezzemolo non ci soffermeremo nemmeno, è indispensabile tanto sul risotto ai frutti di mare quanto sulla verdura alla griglia. E l’erba cipollina, il coriandolo, il rosmarino, il dragoncello, il finocchio selvatico, la santoreggia, il timo – sicuramente li conoscete di già, vero? E le nuove varietà di menta, il cerfoglio, la cedrina – le avete già provate.

Le piante aromatiche sono delle piante da vaso facili da coltivare.giardino aromatico 4

Tutte queste piante aromatiche possono essere piantate in vasi e fioriere, per poi essere messe sul davanzale della cucina, in modo che siano sempre a portata di mano. Un aspetto molto interessante di tutte queste piante aromatiche è la loro bellezza. Scegliendo di piantarle in composizioni variegate, formeranno un punto molto attraente su un  balcone, terrazzo o giardino. Per ottenere il massimo effetto, seguiamo le regole per le composizioni floreali: scegliamo delle piante che giocheranno un ruolo centrale con la loro altezza, completandole poi con delle piante più basse. Potete scegliere un alberello di alloro che sarà davvero incantevole, nonostante nel corso dell’anno utilizzerete in cucina solo una decina delle sue foglie.

giardino piante aromaticheLa  maggior parte delle erbe sopravvive anche su strati molto sottili di terriccio, sopportano il sole cocente e alcune anche dei brevi periodi di siccità. Dunque potremo piantarle in un terriccio leggero, non troppo fertile. Anche durante la vegetazione vanno concimate con molta parsimonia, in quanto troppe sostanze nutritive provocherebbero una crescita eccessiva, riducendo gli aromi e i sapori delle erbe. La maggior parte delle piante aromatiche crescerà bene in posizioni molto assolate, aumentando l’aromaticità. Fate comunque attenzione alle erbe tenere come il prezzemolo, il basilico, il finocchio selvatico che devono essere bagnate con regolarità.

In natura la maggior parte delle piante aromatiche è in costante lotta per la sopravvivenza, quindi sono anche piuttosto invasive. Molte tra di loro apprezzano molto di venire costantemente potate (basti pensare alle erbe che crescono sui pascoli), ma può capitare che qualcuna incominci a crescere esageratamente anche in vaso. Perciò vi consigliamo di tenere a bada la loro crescita, in modo da assicurare lo spazio necessario a tutte le vostre prescelte. Le piante aromatiche a portamento cespuglioso vanno potate all’inizio della primavera, in modo da rinnovare la crescita e ottenere delle foglie nuove più aromatiche. Potiamo dunque la salvia, la lavanda, il rosmarino (facciamo attenzione a non potare i rami troppo legnosi), il timo e la santoreggia.giardino aromatico 3

Alcune erbe aromatiche, ad esempio il basilico, vanno preservate dalla fioritura, la quale esaurirebbe la loro vitalità.

Dato che abbiamo intenzione di utilizzare le piante aromatiche in cucina, evitiamo i concimi artificiali, i preparati diserbanti, i funghicidi e gli insetticidi. Per fortuna almeno i parassiti non sono molto interessati alle piante aromatiche, anzi il loro odore li tiene alla larga. Qualche volta al mese però aggiungete un po’ di compost o di un altro concime organico.

Le piante aromatiche non hanno bisogno di essere separate dalle piante ornamentali! Piantate in una fioriera delle rose e della lavanda. La salvia è bellissima abbinata ad ogni pianta da vaso fiorita, il nasturzio risplende in compagnia del prezzemolo e dell’aneto …

D’inverno alcune di loro potrebbero avere bisogno di un riparo.
E quando il sole estivo diventerà sempre più basso e incominceranno a soffiare i venti freddi? A seconda della zona climatica in cui viviamo, alcune piante dovranno cercare riparo all’interno delle nostre case. Badiamo a riservare loro una posizione luminosa e non troppo calda, evitando di bagnarle troppo! Se l’aria in casa è troppo secca, proviamo di tanto in tanto a spruzzarle con l’acqua. Se viviamo in zone molto fredde, dovremo mettere al riparo anche la lavanda e il rosmarino, che però esigono una posizione piuttosto fresca e luminosa. Evitiamo di potarle troppo.

La nostra esperienza dice che d’inverno, con una buona cura  possono essere coltivati in casa il basilico, il prezzemolo, il timo, il coriandolo, la melissa e la salvia.

 

 

 

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: